téléphone Gandan Yourte

Contattaci : 00 331 80 50 75 64

Eléments disponibles en stock : 1 toileType I n°13 pour yourte 4 murs 

Unchapeau cristal8 attaches pour yourte 8 murs, 66 m2

drapeau-mongoliecarte-asiecarte-mongolie

Presentazione

La Mongolia è situata tra la Cina e la Russia. La sua capitale è Ulan Bator (Ulaanbaatar). La lingua ufficiale della repubblica parlamentare è il mongolo e la valuta il Tugrik.

La sua superficie è tre volte quella della Francia e la popolazione è di 2,8 milioni di abitanti. La Mongolia ha la densità più bassa del mondo: 1,7 abitanti per km2.

Più della metà della popolazione vive nella capitale e nella sua periferia. L'altra metà è nomade.

Troviamo il deserto del Gobi nel sud del paese, le steppe nel centro e le montagne boscose al nord (Altai). Il clima è rigido in inverno sino a -50 °, e caldo in estate con oltre 40 °. La Mongolia conosce tutte le condizioni climatiche (clima continentale): freddo, caldo, vento, neve, pioggia. La yurta è quindi costruita per far fronte a tutte queste condizioni. Immaginate quindi la sua resistenza !

Storia

Fino alla fine del 12 ° secolo, la Mongolia rimane una grande provincia della Cina.

histoireNel 13 ° secolo, si presenta come l'impero più dominante nel mondo. E’ Gengis Khan che guiderà le più grandi conquiste, riunendo tutte le truppe mongoli, e permettendo loro di avanzare fino alle frontiere dell’attuale Turchia. E’ cosi’ che crea l'impero mongolo. Le guerre contro la Cina sono regolari e persistenti.

La rappresentazione di Gengis Khan è ancora molto presente nel Paese (statue, dipinti ...). I mongoli ammettono che si é imposto come conquistatore sanguinoso, tuttavia rimane ai loro occhi come il simbolo della forza e della conquista, di cui sono molto orgogliosi.

Dopo Gengis Khan, l'impero perde la sua potenza e la Cina riprende il potere sulla regione mongola. Essa crea due regioni autonome cinesi :la Mongolia Interna (la Cina di oggi) e la Mongolia esteriore (paesi attualmente indipendenti).

E’nel 1911, che la Mongolia proclama la sua indipendenza, approfittando della rivolta cinese.

Questa sarà riconosciuta dalla Cina solo nel 1949.

L'URSS mantiene una presenza ed una forte influenza sulla Mongolia. La religione buddista è combattuta, l'alfabeto mongolo viene sostituito dall’alfabeto cirillico...

E’ solamente nel 1989 con la fine della guerra fredda ed il crollo dell'URSS, che la tutela russa prende fine e rende la Mongolia completamente indipendente.

La Mongolia d’oggi

aujourdhuiLa vita in Mongolia è ancora difficile per gran parte della popolazione. La povertà è molto presente e la dura vita nelle campagne costringe diversi nomadi a raggiungere la capitale e ad installarsi nella sua periferia. Ulaanbaatar è ormai circondata da una grandissima periferia costituita principalmente da yurte sedentarie. E’ certo molto impressionante osservare la capitale dalle colline circostanti : vedrete il centro con immobili in betone e tutt’intorno un insieme di yurte giganti con le recinzioni che si intrecciano. La disoccupazione è molto diffusa. L'inquinamento pure.

I pochi nomadi che ancora rimangono nella campagna sono minacciati dalla progressiva perdita delle loro mandrie per i rigidi freddi invernali. L’ultimo grande freddo del 2010, chiamato Dzud, ha ucciso quasi 6 milioni di animali, costringendo alcuni pastori ad abbandonare tutto.

In parallelo a questa povertà, la Mongolia sta vivendo dal 2010 un’ascesa folgorante della sua crescita (+7%). D’importanti miniere d'oro e di rame sono state recentemente scoperte e gli investitori si stanno disputando le esplorazioni. I salari iniziano ad aumentare e molte grandi aziende internazionali si sono impiantate nel cuore di Ulaanbaatar.

Religione

religionLa religione del paese è il buddismo tibetano. L’Animismo è la credenza popolare più comune in Mongolia. Essa consiste nel prestare agli elementi (oggetti, piante, animali ...) un’anima che l'uomo dovrà rispettare. Lo sciamanismo, che deriva da questa credenza popolare, comporta l'azione di entrare in contatto con queste anime e d’interagire. Lo sciamano è responsabile di questo legame tra gli elementi e gli uomini.

Le cerimonie religiose sono molto attive nella vita dei mongoli e molto protette. Come ospiti, voi sarete raramente invitati a condividere questi rituali che si svolgono in una yurta o nei numerosi tempi del paese.

Ogni giorno, non è sorprendente vedere la madre di famiglia benedire il luogo della yurta, la partenza di un uomo per un lungo percorso, o l'acquisto di un cavallo, tramite un'offerta agli spiriti, gesto caratterizzato dal gettare qualche goccia di latte con il dito anulare.

Il «Ovoo», mucchi di pietre ornate con strisce di tessuto colorato, che si trovano un po’ dappertutto sui bordi delle piste della Mongolia, simbolizzano i luoghi di culto che è proibito evitare. Se avete tempo fate come i mongoli : fate tre giri intorno al mucchio di pietre nel senso orario. E se siete in macchina, e che il tempo non vi permette di fermarvi, il guidatore avrà sempre il riflesso di suonare il clacson alla vista di un Ovoo, in modo ad avere, malgrado tutto, un piccolo pensiero per gli spiriti

Cultura

La Cultura mongola è molto ricca. Alcuni elementi sono particolarmente distinguibili.musique


La Musica ed il canto : la musica è un elemento molto importante nella vita quotidiana dei mongoli. Il canto diafonico, Khöömi, esercita un certo fascino perché permette al cantante di produrre due suoni differenti contemporaneamente; la risonanza nasale e le corde vocali sovrappongono i loro effetti. I cantanti prendono ispirazione dai suoni della natura.

Molti strumenti di musiche tradizionali sono pure presenti: il più significativo è il «Moriin-Khuur», il violino-cavallo. Il suo nome deriva dal fatto che esso imita perfettamente l'andatura del cavallo. Due corde di crine di cavallo ed una cassa di risonanza in legno.
 


sport

Sport : lo sport nazionale è il wrestling. Dei campionati importanti sono organizzati in tutto il paese, ma voi potete ugualmente ritrovare questa pratica nei giochi quotidiani dei bambini che non esitano, a rotolarsi per terra, nel buon umore. La lotta mongola si caratterizza per l’assenza di categorie di peso. L'obiettivo è quello di costringere l'avversario a mettere il ginocchio, il dorso od il posteriore per terra con l’aiuto di movimenti tradizionali.

Le corse di cavalli ed il tiro con l'arco sono ugualmente molto praticati, soprattutto durante la festa annuale del Naadam.
 

naadam

La festa nazionale del Naadam : questo festa celebra l'indipendenza della Mongolia. Si svolge ogni 11 e 12 luglio dell'anno. Vi sono rappresentati i tre principali sport mongoli : la lotta, il tiro con l'arco e le corse di cavalli.

Le corse di cavalli sono molto particolari. Particolarmente quella dei bambini perché rivela tutta l'intraprendenza dei più giovani. Questi montano il cavallo a pelo (senza sella) e percorrono molti chilometri al galoppo attraverso la campagna. I bambini possono già essere pre-adolescenti, ma talvolta alcuni hanno solo pochi anni. E 'un grande onore, per tutte le famiglie, essere rappresentati dai loro figli durante questa gara. Ed un onore ancor più grande quello di vincere.

Copyright © 2011-2017 Gandan Yourte. All Rights Reserved.
9 rue de l'Indre 75020 Paris - FRANCE - Tel : 00.337.78.78.15.76 - 500 918 404 R.C.S
Mentions légales